Vitale: “I problemi restano ma li risolveremo”

0
18

Antonio Vitale sembra avere le idee chiare. Il nuovo azionista di maggioranza del Foggia calcio, pensa alle strategie future senza comunque nascondere qualche ansia per l’ istanza di fallimento che domani (rinvii esclusi) verrà discussa dinanzi al Tribunale di Foggia. “Stiamo lavorando sodo per riorganizzare il club, ha dichiarato nel corso della trasmissione Assist’’. “In questo momento –continua- ciò che ci preme è riportare serenità nell’ intero ambiente. Per farlo dobbiamo superare il problema delle istanze fallimentari (tre, per il momento). Inutile nascondere che siamo preoccupati anche perché non si può entrare nella testa del giudice che deciderà. Comunque sono convinto che tutto andrà bene”.
Nel contempo, riorganizzazione degli assetti societari a parte (nelle prossime ore dovrebbe essere ufficializzato il ritorno del ds Lello Sergio), il numero uno rossonero non ha intenzione di trascurare altre situazioni. Il calcio-mercato sta per entrare nel periodo clou e nel Foggia potrebbe esserci qualche novità. “Intanto domani (oggi, ndr) –afferma Vitale- ci incontreremo con il ds del Lecce Corvino per parlare di Pellicori che potrebbe finire altrove (probabilmente a Sora). Venerdì invece, De Zerbi tornerà a Foggia ed insieme a lui capiremo come comportarci. Vogliamo renderci conto delle sue condizioni fisiche e capire qual’ è la sua volontà”. Nel caso in cui il fantasista bresciano dovesse lasciare Foggia, dal Paternò potrebbe giungere Pagana. Il condizionale è d’ obbligo visto che esiste un contratto che legherebbe Pagana alla Viterbese anche se la volontà del giocatore è di vestire la casacca rossonera, seguendo così Brutto e soprattutto mister Marino. Per quanto riguarda altri possibili arrivi, Antonio Vitale ha affermato: “Ci stiamo muovendo per acquistare un centravanti e probabilmente anche un altro attaccante nel caso in cui Del Core dovesse andar via (Catanzaro la possibile destinazione)”.
Riguardo alla polemica suscitata dalle dichiarazioni rilasciate dall’ ex patron Giorgio Trinastich che a proposito della trattativa conclusa aveva detto: “si è trattato di estorsione”, Vitale ha così commentato: “probabilmente si riferiva alle pressioni esercitate da qualche tifoso che non vedeva l’ ora che il tutto si chiudesse. La stessa cosa, però, è successa anche a me e a Lucio Fares”. “In ogni caso –chiude Vitale- credo che Trinastich vada ringraziato per quello che ha fatto, per i sacrifici economici sostenuti e per la promozione in C1. Adesso tocca a noi lavorare con continuità. L’ obiettivo in questo momento è quello di disputare un campionato tranquillo. Poi vedremo…”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui