Gli stadi del girone H: il degli Ulivi di Andria

0
58
Progettato durante la Seconda guerra mondiale fu ultimato nel 1949. Lo stadio di progettazione fascista, ha come ingresso per le tribune una grande M che identificava Mussolini.
Dopo il raggiungimento della prima storica annata nel calcio professionistico con la Serie C2. Il “Comunale” non aveva né curve, né manto erboso e tanto meno l’impianto di illuminazione per gare in notturna. Il nome “degli Ulivi” fu scelto quando la Fidelis Andria gareggiava nel campionato di Serie B 1994-1995, attraverso il referendum “Un nome per lo stadio” votato da cittadini e appassionati di Andria, e organizzato dal periodico sportivo “Fidelissimo” 
Negli anni in cui la Fidelis Andria militava nei campionati di Serie B lo stadio aveva una capienza di circa 15 000 spettatori. Le attuali norme di sicurezza e gestione dei biglietti impongono norme più restrittive quindi attualmente il Degli Ulivi ha una capienza di 9 140 posti così suddivisi:
  • 3 000 posti a sedere nel settore curva nord (settore che ospita la tifoseria organizzata della squadra di casa),
  • 3 000 posti a sedere nel settore curva sud (di cui circa 1000 per il settore ospiti),
  • 3 000 posti a sedere nel settore tribuna coperta.
Il manto erboso è costituito da erba vera e le sue dimensioni sono di 105 x 66,70 m.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui