Ranalli a Calciofoggia.it:”Dobbiamo essere determinati. Abbiamo giocato anche per il tecnico”

0
52 views

E’ l’uomo della provvidenza, il romano che con un suo gol ha salvato un altro romano come il tecnico Morgia, ed ha concesso una settimana di tranquillità ad i suoi compagni di squadra. E’un Cristian Ranalli felice e sereno quello che si presenta ai nostri taccuini dopo la bella prestazione di domenica scorsa. Quasi quarantacinque minuti disputati, un gol dopo tre minuti dal suo ingresso e due azioni pericolose, una delle quali ha messo i brividi ai tifosi del Foggia, che hanno seguito con il fiato sospeso quella bordata dai venticinque metri uscita di un soffio alta sulla traversa. Un ottimo esordio davanti al pubblico dello Zaccheria, durante una partita difficile da recuperare, soprattutto sotto il profilo mentale: “Si, è stato un buon esordio, ma non sono il salvatore della patria, il merito va ascritto a tutta la squadra che ha saputo reagire allo svantaggio rimanendo sempre in partita con determinazione”. Proprio la grinta e la voglia di non mollare potrebbe essere l’arma migliore del Foggia in attesa della condizione migliore: “Dobbiamo lavorare bene in settimana ed affrontare i prossimi avversari con la stessa determinazione che abbiamo dimostrato contro il Frosinone. Noi calciatori dobbiamo impegnarci molto anche per il tecnico Morgia. L’abbraccio dopo il gol è stato un gesto spontaneo e sentito, perché nonostante il momento non positivo nei risultati stiamo facendo gruppo all’interno dello spogliatoio”. Proprio il tecnico romano, schierando un canonico 4-4-2 ha modificato la posizione in campo di Cristian: “Preferisco giocare in un attacco a tre per sfruttare al meglio le mie caratteristiche di seconda punta rapida, ma in questo momento tutti devono sacrificarsi per la squadra ed io mi adatto senza problemi anche in un attacco a due”. Domenica prossima arriva il Pisa, la difesa più battuta del torneo(assieme al Foggia): “Speriamo che il Pisa confermi i suoi numeri e non giochi allo Zaccheria, come fanno in molti, la partita della vita. Io sono a disposizione del tecnico, anche se non sono al top darò lo stesso il massimo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui