Qui Nardò – Foglia Manzillo: “Abbiamo dominato il Casarano per 80 minuti, ma occorre completare la rosa”

0
124

Il primo derby stagionale ha visto il Nardó di mister Foglia Manzillo imporsi ai calci di rigore, dopo una gara rocambolesca, che vedeva i granata condurre per 3-1 fino a cinque minuti dal termine; nel post partita, il tecnico granata esprime tutta la sua soddisfazione: “L’esordio è certamente più che positivo – dice il tecnico – prima di questa gara vi erano tante incognite, perché questa è una squadra quasi del tutto nuova, una squadra giovanissima che ha iniziato ad allenarsi in ritardo rispetto alle avversarie, senza poi dimenticare che il Nardò ha una rosa ancora da completare, invece nonostante queste quattro varianti non da poco, siamo andati oltre ogni mio migliore augurio, dominando per quasi 80 minuti e sfiorando anche il punto del 4-1; è chiaro che una volta finita la benzina il Casarano è riuscito a pareggiare la partita”.

Un Nardò che per sopperire a diverse situazioni avverse ci ha messo tanto cuore e tanta grinta oltre che a buone trame di gioco: “Probabilmente per quanto visto in campo avremmo meritato di vincere la gara nei 90 minuti – prosegue l’ex Campobasso –, ma alla fine il successo è arrivato grazie a Mirarco e alla maggiore precisione dagli undici metri, ma ripeto per quanto espresso meritavamo di chiudere la pratica prima, anche perché oltre al cuore e alla voglia di vincere abbiamo espresso un calcio gradevole su un terreno non certo in perfette condizioni; ad essere sincero sono rimasto sorpreso da quanto visto, perché di fronte avevamo una signora squadra, ma i ragazzi nonostante l’immediato svantaggio, sono stati bravi a rimettersi in carreggiata con grande caparbietà e grande testa”.

Una delle note positive di questo match è stata senza dubbio la tenuta difensiva, con il Nardò che non ha quasi concesso ad un reparto avanzato di assoluto spessore come quello del Casarano: “Ai ragazzi ho detto che più forte è l’avversario è meno occorre sbagliare; sul primo gol forse il fallo andava evitato, mentre gli altri due sono due perle di Tiscione, anche sul 3-2 qualcosa andrà rivista, per il resto non abbiamo concesso praticamente nulla, se non qualche calcio piazzato; purtroppo nel finale abbiamo perso Mengoli e ho dovuto portare Stranieri a centrocampo, abbiamo perso Camara concedendo metri all’avversario, poiché purtroppo non abbiamo ancora le soluzioni giuste e questo la società lo sa molto bene. Nonostante il risultato positivo, non occorre dimenticare quello che serve fare per completare la rosa, nel minor tempo possibile; l’espulsione? Sono uscito dall’area tecnica per chiedere giustificazioni, forse occorreva un po’ di buon senso”.

Fonte: salentosport.net

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui