Presentati i nuovi acquisti del Foggia

0
25 views

Venosa_: Si è conclusa da poco la cerimonia di presentazione dei nuovi acquisti, Dopo il saluto dell’onorevole Di Gioia che ha ringraziato tutti gli imprenditori che hanno permesso la costruzione di questo progetto, la parola è passata all’amministratore unico Tullio Capobianco. “Mi dispiace aver percepito una sensazione improntata solo sul risparmio. Vogliamo rifondare questa società sia dal punto di vista strutturale che dal punto di vista tecnico. Impegniamoci tutti a costruire qualcosa di importante, abbiate fiducia in noi nell’attendere le risposta che giungeranno dal campo”. Dopo le parole di Capobianco, Pino Autunno ha introdotto la presentazione dei tredici nuovi volti rossoneri. C’è anche l’ultimo arrivato, Scarpa, giunto solo qualche ora fa nel ritiro di Venosa. Subito dopo, spazio alle domande dei giornalisti presenti, quasi tutte rivolte a Tullio Capobianco, cha approfitta per fare il punto su quella che è il mercato del Foggia. Concluso o cantiere ancora aperto? “Stiamo seguendo alcune piste, probabile che negli ultimi giorni utili si possa concretizzare qualche altro colpo”. Per raggiungere quali obiettivi? Prova a chiarirlo Roberto Scirano, che lascia aperti tutti gli scenari possibile: “Di precisi non ne abbiamo, cerchiamo di arrivare il più in alto possibile. E questo può significare qualsiasi cosa….”. Quale è stata la risposta del pubblico? “Per quel che riguarda la campagna abbonamenti- sottolinea Capobianco- non parlerei di delusione, ma dai tifosi mi attendo una risposta forte, perché questa società determinata ad arrivare in alto, ha bisogno della spinta dei tifosi”. Inevitabile un accenno al “caso Cellini” e a tutte quelle situazioni ancora non chiarite in seno all’organico rossonero: “Una società che vuole essere vincente deve rispettare delle regole e tenere conto dei ruoli. Ritengo che certi atteggiamenti assunti anche con leggerezza che hanno contaminato lo spogliatoio andavano recisi con fermezza e decisione. Mi auguro che si arrivi ad una conclusione in tempo brevi, ma non ci siamo lasciati condizionare da queste situazioni. Non potevamo aspettare il 31 Agosto per sistemare l’organico, siamo andati avanti per la nostra strada. Se non succede nulla entro il 31 Agosto, rimarranno comunque in organico, ma con la consapevolezza di non essere indispensabili. Con Catalano c’è un dialogo ottimo. Ho stima e considerazione per lui. Per lui nel Foggia c’è spazio, verso di lui forse mi aspettavo un briciolo di disponibilità in più. Lui non ha inteso farlo e io nel rispetto della professionalità, ho espresso la mia disponibilità alla risoluzione consensuale del contratto”. Tanti imprenditori, ma anche tanti volti conosciuti in ambito politico hanno favorito la nascita di questo nuovo sodalizio. Capobianco, però, sgombra il campo da ogni tipo di equivoco: “La politica ha inciso zero, non c’era nessuna finalità politica nella formazione di questo nuovo sodalizio. Non abbiamo stabilito ancora i ruoli, ma per noi hanno poca importanza. E’ come se avessimo dieci presidenti”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui