Mister Padalino: “vedo la compattezza allᄡinterno del gruppo”

0
18

Oggi pomeriggio ai microfoni della sala Fesce dello Zaccheria, lᄡallenatore rossonero ha dichiarato:

Devo sottolineare che aldil� della vittoria che non � arrivata, lo spirito e la voglia di far bene c��. Tanti danno ci� per scontato, ma ci sono delle situazioni particolari in cui non riesci ad esprimerti come vorresti. Le vittorie porterebbero alla leggerezza di cui parlavo nelle mie prime conferenze. I risultati ottenuti, anche se sono pareggi, non ci hanno fatto perdere posizioni in classifica. Ci sono squadre pi� blasonate che nelle ultime 5 gare hanno fatto un solo punto, dobbiamo solo osare, con equilibrio tutte le partite si possono vincere.
Deli non sar� titolare contro il Cosenza, perch� il problema che ha avuto ad Ascoli � confermato dopo una risonanza. Tra le tante cose che uno sente e dice sembra quasi che Galano non sia stato in campo per una scelta tecnica, questo calciatore non � stato della partita perch� ha un problema alla coscia che si porta avanti dalla gestione Grassadonia, domani potr� domani essere titolare. Tonucci non giocher�, ma abbiamo il recupero di Kragl e Iemmello che non erano nelle condizioni psico-fisiche per affrontare la partita intera con l�Ascoli.
Nel reparto mediano ci sono: Greco; Agnelli e Marcucci, questi sono i disponibili e probabilmente giocheranno.
Nessuno decide di fare i pareggi se non in malafede, le partite in alcuni casi hanno detto che il Foggia avrebbe meritato le vittorie contro squadre pi� blasonate…questo deve far ben sperare. Il pareggio con l�Ascoli ci ha lasciato l�amaro in bocca. Dopo un mese di pareggi siamo a 3 punti dalla zona salvezza e Trapattoni mi diceva in passato che alla fine 1 punto in pi� o 1 punto in meno possono fare la differenza tra il farti vincere lo scudetto, retrocedere o viceversa.
Sfido chiunque a dire che noi non volessimo la vittoria.
Ascoli e Benevento sono due partite interpretate in maniera diversa, col Benevento aver subito quei torti ci ha dato la carica, mentre con l�Ascoli c�erano 10 uomini dietro la linea della palla, dovevamo tirare maggiormente dalla distanza. Se non ci sar� la possibilit� di giocare avremo il bisogno di utilizzare la palla lunga.
Conoscendo Braglia non credo che per lui questa sar� una passeggiata in Puglia, non � vero che non hanno nulla da perdere, perch� squadre che prima erano pi� in alto adesso sono a ridosso della zona rossa. Il Cosenza � una sorpresa del campionato, ma ha ottimi interpreti, se non avesse sofferto in fase iniziale sarebbe in zona playoff.
Eᄡ una partita dove si troveranno pochi spazi, bisogna aspettare ed aprire il varco giusto, dobbiamo anche essere attenti a non subire ripartenze. Loro non disdegnano neanche il gioco ed il fraseggio in mezzo al campo con diversi interpreti di spessore.
Per noi � una partita vitale, abbiamo l�idea di dover fare 3 punti perch� � uno di quei treni che pu� dare la svolta, anche se � una squadra che � ad 1 punto dai playoff…per noi pu� essere un ottimo slancio.
Ad Ascoli sembrava quasi che fosse stato fatto qualcosa di scorretto da un nostro calciatore al momento del goal del pareggio. Sono ottimista perch� vedo i calciatori e credo che peggio non si pu� fare, ci� significa che si pu� fare sempre meglio…vedo la compattezza all�interno del gruppo. La paura non ci deve appartenere, a meno che non venga affiancata dall�ottimismo, consapevoli che si pu� arrivare all�obiettivo, non mi faccio condizionare dalle chiacchere esterne. Al termine di questo percorso vedremo chi avr� ragione.
Con allenatori pi� esperti di me Kragl ha giocato sulla destra, abbiamo preso in esame anche questa possibilit�, ma vedremo se si potr� sviluppare in corsa.
Zambelli sta bene, i dolori sono alle spalle e gli ho detto di tenersi pronto.
Matarese secondo me si � ben comportato cos� come Cicerelli almeno per l�impegno. Tranne per le solite assenze i calciatori stanno tutti bene.
Io posso parlare della mia gestione, entrare in corsa non � mai semplice, non voglio fare apprezzamenti sul passato. In questi 2 mesi e mezzo abbiamo dovuto sistemare dei parametri per adattare la squadra al nostro calcio, ovviamente questo ha portato via tempo. Su queste basi dopo si va a costruire il resto.
Sono 7 anni che Agnelli � al centro di critiche, alcune sono totalmente gratuite, per strada mi dicono di lui: “quello � il sangue nostro”. Non gli viene mai riconosciuto ci� che fa di buono, si risaltano spesso gli errori tipo Crotone e Padova. Si guarda sempre l�errore… non quando corre per 3 e mette le pezze su determinate situazioni. Agnelli per me continuer� a giocare finch� sar� con me e mi dimostrer� di meritarlo, quando ci sar� la possibilit� di farlo riposare lo far� tornare in campo pi� carico di prima.
Il pubblico ha la maturit� ed ha capito che non possiamo rimanere soli, riescono sempre a sorprenderci, mi aspetto il loro apporto come negli anni precedenti.
Ci sono circostanze in cui ci sono dei segnali, ad esempio la prima azione dell�Ascoli abbiamo subito subito un calcio d�angolo, i calciatori se ne sono resi conto…ogni pallone � importante sia all�inizio della gara che nel corso della stessa, � sempre una questione caratteriale, se fosse entrato il goal di Mazzeo all�inizio… adesso si parlava di altro.

Foto: Federico Antonellis

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui