L´AVVERSARIO: La Juve Stabia batte il Teramo

0
20 views

JUVE STABIA (3-5-2): Benassi; Femiano F., Rinaldi, Terracciano; Esposito A., De Rosa (41’st Vitale), Esposito G., (35’st La Fortezza), Femiano A., Silvestri; Baclet (46’ st Calendo), Caputo. A disp. Franzese, Burzigotti, Del Grande, D’Anna. All. Capuano
TERAMO (4-4-2): Paoloni; Criaco, Cascone,, Migliaccio, Radi; Margarita, Gargiulo (1’st Turienzo) Capodoglio, Pokleca (1’st Andreulli); Amodeo (23’st Myrtai), Niscemi. A disp. Vitello, Maury, Schettino, Levacovich. All. Gavetta.
MARCATORI: 5’pt Baclet (Js), 35’pt Femiano F. (Js)
ARBITRO: Bernalda di Barletta (Longo – Ostini)
NOTE: giornata mite con cielo coperto, terreno di gioco in erba artificiale. Spettatori paganti 730 per un incasso al botteghino di 9.300 euro circa + 750 abbonati per una quota di 6000 euro circa. Presenti in Curva Ferrovia una trentina di tifosi provenienti da Teramo. In tribuna il direttore sportivo dell’Arezzo Ermanno Pieroni
Calci d’angolo 6 a 4 per la Juve Stabia. Recupero 5’ (2’ + 3’). Ammoniti: Terracciano (Js), Silvestri (Js), Femiano F. (Js), Rinaldi (Js), Baclet (Js).
CASTELLAMMARE DI STABIA – Vince senza patemi e meritando appieno un risultato che, per la verità, poteva avere dimensioni più rotonde. La felicità con la quale la Juve Stabia si è liberata del Teramo, infatti, va aldilà del secco 2 a 0 inflitto dagli uomini di Capuano alla squadra biancorossa. Subito all’attacco dai primissimi minuti le vespe non hanno ceduto un centimetro fornendo una prestazione che, specie, nella prima parte di gara ha annichilito gli avversari. Che la giornata non avrebbe riservato brutte sorprese lo si è capito fin dall’avvio quando Baclet ha ribattuto in rete un difettosa respinta del portiere Paoloni su punizione di Alfredo Femiano.
Il gol dell’attaccante francese, al suo secondo centro stagionale, non placa l’energia e la verve degli stabiesi che in 10 minuti collezionano 4 nitide palle gol mal finalizzate. Prima Silvestri (conclusione a lato), poi Baclet ((tiro a lato) ed Antonio Esposito (tiro centrale bloccato da Paoloni) fanno da preludio all’occasionissima di Alfredo Femiano che al volo da pochi metri non riesce ad indirizzare a rete un cross di Antonio Esposito al termine di un’azione corale strappa applausi. Il gol del raddoppio arriva invece al 35’ dopo un’azione iniziata da Caputo che con un assist perfetto trova Alfredo Femiano che a colpo sicuro di testa indirizza sul palo più lontano dove appostato c’è il fratello Fabio che ancora di testa appoggia in rete.
La bolgia del Menti tramortisce il Teramo incapace di reagire anche nella ripresa quando il tecnico Gabetta inserisce l’ex Andreulli e Turienzo per cercare di dare una scossa. Il palo colpito da Niscemi è l’unico pericolo che arriva per la porta di Benassi. Le vespe sfiorano il tris, infatti, in più occasioni prima con Caputo che tira debolmente tra le braccia di Paoloni, poi con Alfredo Femiano al termine di uno schema provato in allenamento su punizione battuta magistralmente da Caputo (cucchiaio a superare la barriera). L’opportunità più clamorosa per portare sul 3 a 0 le vespe arriva al 34’ della ripresa con Paoloni che vola sotto la traversa per deviare in angolo un bolide di De Rosa.

fonte www.ssjuvestabia.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui