Lメavversario di turno: PARMA CALCIO 1913

0
43 views

Scritto da Piero Colangelo
Match Analyst
Osservatore scout

Il Parma che nel lunch match di oggi affronter� il Foggia, dopo l�inopinata sconfitta di Chiavari, induce a pensare ad una squadra che attraversa un momento di difficolt�, in cui sembrano essere venute meno molte di quelle componenti, soprattutto tattiche ed agonistiche, che in B fanno grande una squadra.
Probabilmente nel recente cammino della squadra hanno illuso le facili vittorie con altrettante squadre in difficolt�, come Salernitana e Pescara. Tali risultati positivi hanno mascherato i problemi che la squadra aveva gi� evidenziato nelle cocenti sconfitte con Brescia, Cremonese e soprattutto con l�Empoli.
Nella squadra emiliana sembra essersi dispersa quella solidit� e compattezza di squadra, capace di offendere pericolosamente ad ogni ripartenza, doti che la compagine di D�aversa mise in bella mostra allo Zaccheria, dando a tutti la netta sensazione di rappresentare una seria candidata alla conquista dei due posti per salire direttamente di categoria.
E� evidente che la squadra, pur disponendo di un organico importante sia dal punto di vista numerico che della qualit� degli effettivi, ha patito le tante assenze che dal mese di novembre hanno falcidiato la squadra, soprattutto in attacco ed a centrocampo, e gli effetti di una campagna acquisti invernale che ha portato in terra emiliana calciatori di indiscusse qualit� ma che sinora non hanno inciso pi� di tanto insinuando il dubbio che i nuovi innesti hanno finito per determinare una non benefica rivalit� con chi si era conquistato proficuamente il posto nei mesi precedenti.
Dal punto di vista tattico, l�allenatore ha cambiato poco da inizio campionato rimanendo fedele al suo 1-4-3-3, ma solo nel reparto difensivo ha avuto risposte sempre positive grazie al rendimento die vari Lucarelli (77), ancora un leone in campo, Iacoponi (87), a pieno titolo indiscusso titolare avendo vinto la concorrenza con un altrettanto valido Di Cesare (83), e Gagliolo (90), era gi� bravo come marcatore ma nel corso del campionato � migliorata sempre pi� la sua partecipazione al gioco offensivo. A gennaio � giunto anche Gazzola (85), ex Sassuolo, che pur non rendendo secondo le sue effettive possibilit�, con esperienza e carattere ha dato ancora maggiore solidit� al reparto.
Ad inizio campionato Il gioco prodotto a centrocampo dal Parma non era sembrato efficace e fluido. Ma, ad un inizio stentato, frutto anche del difficile assemblaggio di un reparto completamente rivoluzionato, la squadra ha mostrato via via notevoli progressi sotto l�aspetto della costruzione della manovra e della creazione di azioni offensive. Scozzarella (88), Munari (83), Scavone (87) ed anche Dezi (92) si sono dimostrati i pi� positivi � non � da escludere che nell�ultima fase di campionato sono state proprio le cattive condizioni fisiche del play Scozzarella (vero catalizzatore della manovra), una delle ragioni principali del calo di qualit� del gioco della squadra.
In attacco appare davvero difficile la convivenza tra Calai� (82), sicuramente il pi� continuo e pericoloso degli attaccanti emiliani, per la sue ben note doti di opportunismo dentro l�area avversaria a cui , ultimamente , si � anche affinata la capacit� di aprire spazi e fornire assist importanti ai compagni.
Ceravolo (87) � ancora un lontano parente dello spietato cecchino dello scorso anno, mentre Insigne (94) e Di Gaudio (89), come ogni anno, si dimostrano incontenibili in alcune partite per poi ritornare �normali� in tante altre.
Le assenze per la partita odierna di calciatori del calibro Iacoponi in difesa, Munari e Scozzarella a centrocampo , ed in attacco di Da Cruz (convocato dalla Nazionale olandese U20) , Ciciretti (93) ed insigne, rappresenter� l�opportunit� per i vari Di Cesare, Vacca (90), Baraye (92), Ceravolo e soprattutto Di Gaudio di conquistarsi un posto in squadra e pertanto non � detto che le tante assenze siano da considerarsi una circostanza completamente negativa vista anche la valenza tecnica dei calciatori citati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui