Il Manfredonia annichilisce il Castel di Sangro

0
33 views

CASTEL DI SANGRO – MANFREDONIA 0-3
CASTEL DI SANGRO: Ciarnò; Ranieri, Silveri, Martelli, Radi; Marfella, Tricarico, Di Prisco, Cremaschini (8´ st Coquin); Marino (35´ st Rossi); Marini. A disp.: Siringo, Coppola, Pelizzi, Iossa. All.: Capuzzo.
MANFEDONIA: Sassanelli; Calabro, Trinchera, Turone, Terracciano; Brutto, De Santis, Togni (18´ st Di Pietro), Piccioni; Vadacca (14´ st Manca), Mitri (42´ st Romito). A disp.: Apuzzo, Martinelli, De Giosa, Cancellato. All.: Bitetto.
ARBITRO: Passeri di Gubbio.
MARCATORI: pt. 6´ Turone, 30´ Piccioni; st. 41´ Mitri.
NOTE: Spettatori paganti 662. Ammoniti: Radi, Turone, Togni. Angoli 7-3 per il Castel di Sangro. Recupero: 2´ pt, 3´ st.

CASTEL DI SANGRO – Non c’è stata partita a Castel di Sangro. Troppo forte il Manfredonia che si è limitato ad amministrare il gioco e a sferrare quei tiri in porta che sono risultati decisivi. I sipontini schierano in camo Vadacca, nonostante che alla vigilia il suo impiego era in dubbio. Il Castello invece faceva esordire i nuovi acquisti Coquin, Radi e Tricarico. Ben tre gli ex di turno nella fila del Manfredonia, Mitri, Cancellato e Calabro. Al 6’ il Manfredonia già passa in vantaggio. Una serie di rimpalli favoriscono Turone che mette la sfera alle spalle di Ciarlò. Il Manfredonia è padrone del gioco, Mitri e Togni dettano legge a centrocampo, ed anche la difesa dei giallorossi ci mette del suo: Piccioni di testa schiaccia in rete, ma Ciarlò non trattiene e fa autogol. Partita chiusa per davvero. Il secondo tempo i sipontini tengono sotto controllo i padroni di casa. Solo in due occasione con Radi e Martella si portano sotto la porta difesa da Sassanelli. Ma la tripletta è nell’aria. Mitri vede Ciarnò fuori dai pali ed insacca da trenta metri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui