Il Foggia prova a ricrearsi un´immagine

0
18 views

Il varo della campagna abbonamenti ha visto riuniti allo stesso tavolo alcuni esponenti della nuova società (Capobianco, Scirano, Bonassisa, Amodeo e Matteo La Torre)e le principali istituzioni, rappresentate dall´ On. Lello Di Gioia, dal Sindaco Orazio Ciliberti (che ha ringraziato gli imprenditori a nome della città) e dal Presidente della Provincia Carmine Stallone. I massimi esponenti della politica foggiana, aprendo l´attesa conferenza stampa, hanno sottolineato la necessità di sostenere la nuova compagine sociale, reduce dall´estenuante trattativa d´acquisto della società. Sono state molteplici infatti le problematiche a cui hanno dovuto far fronte i nuovi proprietari, soprattutto di carattere economico. Come annunciato da Matteo La Torre, nella giornata di oggi è stato stanziato un versamento di 500.000 euro ed una fideiussione di circa 772.000 euro a copertura dello splafonamento del tetto ingaggi, pesante eredità della passata gestione. Proprio la questione ingaggi ha creato non pochi problemi nel ritiro di Vallarga, dove Peppino Pavone, di comune accordo con la proprietà, ha avviato la ridiscussione delle posizioni contrattuali con alcuni tesserati. Al momento sono otto i calciatori che non hanno trovato l´accordo e che lavorano a parte. Sui motivi di questa dura presa di posizione della società chiude seccamente l´avv. Roberto Scirano:”E´ una questione prettamente societaria, e tale deve rimanere. Sappiamo di correre alcuni rischi e di intaccare alcuni equilibri all´interno dello spogliatoio ma sappiamo anche cosa vogliamo ottenere”. Prime dichiarazioni ufficiali anche per Tullio Capobianco, che diventerà nella giornata di giovedi amministratore unico pro tempore dell´ Unione Sportiva Foggia (nella stessa data verrà formalizzata la trasformazione della società da s.r.l. a s.p.a.). Tocca a lui spegnere le polemiche dopo l´auto-esclusione del Foggia dalla Coppa Italia:”Siamo una società seria e vogliamo dare questa impressione anche all´esterno. Non nascondo che ai vertici del calcio non siamo ben visti dopo le ultime stagioni e che abbiamo rischiato di pagarne lo scotto al momento dell´iscrizione. Per questo vogliamo fare le cose per bene fin da subito, a costo di dover rinunciare all´eventuale incasso della partita di coppa. Non potevamo presentarci senza una definita organizzazione societaria, senza una squadra completa e con questioni ancora da definire. Vogliamo ridare a questa società un´immagine seria ed affidabile”. Chiude la conferenza Matteo La Torre che prospetta la presenza di un incaricato Agos Italfinco presso lo stadio Zaccheria per la rateizzazione dell´abbonamento e invita i tifosi a sostenere la squadra per raggiungere determinati obbiettivi:” Siamo dieci amici che insieme ad un uomo esperto come Pavone hanno in mente un progetto pluriennale. E´ in quest´ottica che vanno viste le scelte della società, dirette a riportare il Foggia in B in due o tre anni. Non stupitevi dell´immobilismo di Pavone sul mercato, ha già attivato i suoi contatti”. (nella foto le immagini della conferenza stampa)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui