Il Foggia e la sindrome di Peter Pan

0
10

Poca voglia di crescere e di diventare grandi, con l�assunzione dei conseguenti (e maggiori) carichi di responsabilit�. Il Foggia adesso � costretto a fare i conti con la sindrome di Peter Pan, che lo conserva folle e discontinuo anche quando la razionalit� imporrebbe i piedi ben saldati al suolo. Come quando, a soli sei punti dalla vetta (unico viatico per il ritorno nel professionismo), il calendario propone una modesta Puteolana. Ma proprio come l�eroe nato dalla penna di James Matthew Barrie, i rossoneri preferiscono librarsi nel cielo e volare, piuttosto che entrare in campo concentrati sin dal primo minuto di gioco. Ne risulta una partita strana, disputata solo nella seconda frazione, condizionata da un pesante errore arbitrale (rigore inesistente) ma anche dagli errori dei rossoneri in fase propositiva. Stecca, il Foggia, proprio quando una vittoria avrebbe potuto lanciare definitivamente le ambizioni di vertice del gruppo, oggi, momentaneamente frenate dal rovescio del �Conte�. Un risultato che s�incastona perfettamente nel mosaico di questa stagione, fatta di strepitose vittorie ma anche di gelide docce che definiremmo �scozzesi�.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui