Gentile: “In campionato sarebbe stato solo 1 punto e non va bene”

0
71

Le parole di Gentile in conferenza:

“Va bene aver passato il turno ma in campionato avremmo conquistato solo un punto. Dobbiamo fare di più, vincere e lavorare tanto. Sono il primo che deve fare meglio e voglio migliorare tanto.

L’intensità e l’agonismo saranno importanti in questo girone. Dovremo fare la guerra in tutte le partite e dobbiamo farlo anche in settimana, allenandoci al massimo.

In 15 giorni è stata allestita una squadra competitiva. C’è da sistemare qualcosina ma non si deve sbagliare. C’è bisogno di gente che tutti i giorni non molla mai.

Quando non si fa gol non mi piace parlare di fortuna e sfortuna. Per quanto riguarda gli attaccanti, mi ci metto io per primo dicendo che dobbiamo essere più concreti. Se vogliamo puntare in alto non bisogna prendere gol perché chi vince i campionati di solito ha la miglior difesa. Oggi eravamo in difficoltà ma credo non si sia visto. Dovremo essere tutti pronti a dare il massimo. Se manca Gentile ci deve essere sempre qualcuno pronto.

Mi piace battere le punizioni e qualche gol l’ho fatto. Dobbiamo migliorare sotto tanti aspetti e da fare l’analisi della partita. Ripartiamo dalla voglia, dall’intensità e dalla concentrazione, anche se nel secondo tempo siamo calati.

Iadaresta è il nostro bomber ma sinceramente qui bisogna fare gol tutti perché si deve vincere. Nelle squadre che vincono si fa tutti gol ed è difficile che ci sia il capocannoniere. Iadaresta è un gran punto di riferimento per noi.

Ringraziamo i tifosi presenti oggi allo stadio. Non ci aspettavamo tutto questo tifo con questa giornata. Ci hanno stupito e speriamo sia sempre così. Non ci saranno a Fasano e sarà un limite, ma daremo il massimo.

Secondo me dal punto di vista fisico stiamo abbastanza bene. Possiamo essere più brillanti e c’è tanto da migliorare ma il calo è stato forse più mentale che fisico. Anche mercoledì abbiamo spinto fino all’ultimo e l’abbiamo vinta alla fine in 10 contro 11. Non vedo la differenza con chi ha fatto più partite di noi.

Oggi avevamo assenze importanti, ma siamo tutti uniti per un solo obiettivo. Saranno frasi fatte, ma sarà il risultato a dirci la verità. Viscomi voleva giocare con la distorsione di ieri, Maccarrone era in panchina. Il gruppo c’è ed abbiamo buoni segnali. Dobbiamo crescere ma non ci lamentiamo.

Io sono contento a metà perché in campionato ci sarebbe stato poco da essere felici oggi perché sarebbe stato solamente un punto. Non dobbiamo pensare di essere bravi perché altrimenti è finita. Il primo tempo doveva finire 2 o 3-0. Il calcio ti punisce se non fai gol e rischi di andare sotto. Contro il Fasano sarà difficile e ci prepareremo per questo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui