Domani vertice importante per decidere se si gioca o meno

0
28 views

A Foggia sta accadendo qualcosa di incredibile. Un´altalena di disposizioni da parte del tribunale sul prosieguo del campionato del squadra rossonera. Ribalzano tante voci sull´argomento, ma l´ultima decisione adottata questa sera non consentirà al Foggia di scendere in campo domani contro il Giulianova. I motivi sono discordanti, c´è chi tira il ballo “l´orine pubblico” e chi l´insufficienza degli 8.000 euro(cifra indicata proprio dal giudice D´Errico) versati dall´imprenditore Gianni Di Carlo. Su quest´ultimo punto pare che ci sia stato un “rilancio” da parte del tribunale che ora richiederebbe 25.000 euro per garantire la disputa della partita. Nella serata si sono mobilitate tutte le autorità cittadine per fare in modo che domani si giochi regolarmente. Dopo i numerosi incontri tenutisi questa sera, si è deciso di rimandare tutto a domani mattina. Alle ore 9,00 ci sarà riunione di giunta (straordinaria) sia in Provincia, che in Comune. Verso le ore 10,00, riunione congiunta, presso il Palazzo di Giustizia, tra il Sindaco, il Presidente della Provincia, il Prefetto, il Questore ed il Presidente del tribunale, per cercare di persuadere il giudice incaricato, D.ssa D´Errico, a far disputare la gara Foggia-Giulianova. Dal punto di vista economico non ci sono problemi, in quanto, oltre all´ulteriore disponibilità da parte di Gianni Di Carlo, le somma necessaria (25.000 euro, salvo ulteriori rialzi del tribunale) sarebbe stanziata dall´amministrazione provinciale di Foggia.(per dovere di cronaca va ricordato che il Sindaco ha, invece, garantito la cifra necessaria per il soggiorno del ritiro pre partita presso l´Hotel President). Con tutte le istituzioni attivate, a questo punto, è difficile pensare che il Giudice opponga ancora resistenza al regolare svolgimento della partita di domani. Speriamo che prevalga il buon senso, perchè se la gara non dovesse disputarsi, causerebbe una serie di problemi a catena. Il primo di ordine pubblico. Il secondo di immagine per la città e l´intera provincia. Ed il terzo, sicuramente irreparabile, che avvierebbe il glorioso Foggia verso la radiazione. Se ciò accadesse, sarebbe difficile anche applicare l´eventuale “lodo Petrucci” e costringerebbe la nuova società a ripartire da categorie ancora più basse. Nella mattinata di domani cercheremo di informarvi tempestivamente sulle decisioni che prenderà il tribunale. Nel caso in cui si giochi, ci sarà, ovviamente, la necessità di organizzare un adeguato servizio di prevendita, per far fronte al massiccio afflusso di tifosi, che in poche ore dovranno approviggionarsi del biglietto d´ingresso.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui