I diffidati fanno rumore, i disoccupati no: succede dalle parti della curva Franco Mancini di Foggia

0
90

Torniamo per un attimo nella curva intitolata a Franco Mancini del mitico stadio Zaccheria di Foggia. Qualche giorno prima, lo stesso luogo è salito agli onori della cronaca giudiziaria perché il coro, imbastito dagli ultrà, e ripetuto dai calciatori rossoneri appena finita la partita di coppa Italia con la Turris, inneggiava ai diffidati. Da quel preciso istante è partita una gogna mediatica, meritata per l’episodio, e immeritata per l’intera comunità di tifosi foggiani e della squadra composta da ragazzotti ignari del coinvolgimento i quali fino a qualche settimana prima conoscevano a stento l’ubicazione geografica della città pugliese.  Bene: domenica pomeriggio, in preparazione alla sfida del girone H di serie D col Casarano, gli stessi ultrà, abitanti della stessa curva, hanno esposto lo striscione “onore ai disoccupati”. È stato oggetto di rari commenti e di qualche banale equivoco. Evidente invece la cifra ironica: disoccupati fa rima con diffidati, solo che in un caso è finito il mondo (il Foggia calcio ha anche querelato il Tg1 che ha parlato addirittura di quarta mafia), nell’altro è stata ignorata la sottile ironia. Segno che, come da tradizione, se il cane morde l’uomo non fa notizia, al contrario fa titolo e rumore il contrario.

Franco Ordine

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui