Colombaretti:”Lavoro per farmi trovare pronto, meno presuntuosi a Busto”

0
14 views

Nel ritiro di Roma il Foggia lavora duro. Tanto duro che è difficile trovare un pò di tempo anche per distrarsi in gruppo. A Pochi minuti dalla conclusione della riunione tecnica il centrocampista Tommaso Colombaretti parla con noi delle sue sensazioni pre partita, a poche ore dalla gara che dovrebbe segnare la sua prima partita da titolare in campionato, un premio per il lavoro e la dedizione che il calciatore profonde negli allenamenti. Le prime parole dell´esterno marchigiano sono il quadro del ritiro che si va a concludere:”E´ stata una parentesi importante soprattutto per trovare serenità. Per allenarci senza dover girovagare per i campi della provincia e per affiatarci ancora di più tra noi. Chiariamo, il gruppo c´è ed io mi trovo benissimo al suo interno, però dovevamo e dobbiamo ancora conoscerci ecnicamente, capire i pregi e i difetti dell´altro per aiutarci a vicenda in campo”. Un toccasana dopo la sconfitta inopinata di Sesto San Giovanni, anche se Tommaso sembra non preoccuparsi della prestazione, preferendo infondere fiducia all´ambiente:”Per i risultati di inizio stagione non sono disperato, anzi, sono ottimista e spero che come me lo sia anche il pubblico e la società…possiamo e dobbiamo migliorare. E´ chiaro che se a Busto non faremo risultato il morale potrà risentirne ma dobbiamo lottare affinchè questo non succeda. La testa, le moivazioni, la voglia sono tutto in serie c…arrivano dove le gambe non possono”. Quelle che sono mancate al Foggia una settimana fa e Colombaretti lo sa bene:”Durante questo ritiro abbiamo fatto un pò di analisi. A Sassuolo abbiamo dimostrato di saper giocare bene ed imporre il nostro gioco. A Sesto, invece, abbiamo peccato di presunzione. Siamo scesi in campo consapevoli che giocavamo contro una squadra di ragazzini, convinti che potessimo segnare da un momento all´altro. E invece, tredici giovani ci hanno dato una bella lezione: se non te la giochi nessuno ti regala la vittoria”. Facile, allora, individuare qual´è il primo errore da non ripetere a Busto:”A Busto non bisognerà sbagliare atteggiamento, ma sono sicuro che ognuno di noi, dentro di se, sappia questa cosa. Non possiamo permetterci di mancare in grinta e volontà, sono convinto che scenderemo in campo con la testa giusta”. Sulla strada il foggia incontra un´altra squadra di giovani dalle belle speranze: la Pro Patria. Come detto nell´introduzione i calciatori hanno a lungo analizzato l´avversario in una riunione tecnica:”Abbiamo visto il dvd della Pro Patria nel match contro il Novara. Giocano un 4-3-3 mascherato, capace di trasformarsi in un 4-5-1 molto prudente. Sono abili a difendersi e a ripartire in contropiede. In quella partita il go larrivò su un episodio e noi dovremo fare altrettanto. Riuscire a sfruttare ogni singolo episodio a nostro favore”. Per quello servirà la buona lena degli attaccanti ed i precisi inserimenti dei centrocampisti. Tommaso si sente chiamato in causa:”Il tecnico mi ha provato sia esterno di difesa che centrocampista interno destro. Entrambi i ruoli mi piacciono. Nel primo, come facevo a Martina, posso scendere ed arrivare facilmente al cross. Nel secondo posso sfruttare il modulo di Campilongo e provare a segnare qualche gol”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui