Cimarelli a Calciofoggia: “Pensiamo solo a battere il Sora”

0
5

Battere la sua ex squadra per centrare quanto prima l´obiettivo salvezza. E´ questo il grido di battaglia di Christian Cimarelli (nella foto), l´esterno rossonero trentenne, che domenica affronterà per la prima volta la sua ex squadra, il Sora, dove ha militato nella passata stagione, prima del passaggio in rossonero avvenuto quest´estate nello scambio con Costanzo. Il centrocampista toscano definisce ´dolce-amara´ l´esperienza in ciociaria, in ogni modo è rimasto particolarmente legato all´ambiente laziale per la fiducia dimostratali: “A Sora arrivai nell´ottobre del 2003, dopo aver fatto tre anni a Pistoia -dice l´ex giocatore anche di Chievo, Lecce e Reggiana- Ricordo che mister Capuano mi volle fortemente, e rimane sicuramente uno dei tecnici cui sono rimasto maggiormente legato. Purtroppo furono otto mesi un pò travagliati, prima il campionato sofferto poi la rottura del crociato resero la stagione un pò complicata. E´ stata, in ogni modo, un esperienza importante, non straordinaria, la definirei una stagione dolce-amara”. Il centrocampista rossonero, autore del terzo gol nella sfida con il Napoli, domenica ha ritrovato il campo dal primo minuto. Situazione che potrebbe ribaltarsi nuovamente con il ritorno di Mounard, ma l´esterno toscano non fa drammi: “Ormai comincia ad avere una certa età, quindi comprendo le decisioni del mister e le accetto senza problemi -commenta l´ex bianconero, che col Sora ha collezionato 22 presenze e un gol- Il mio obiettivo è quello di farmi trovare sempre pronto nel momento servisse il mio contributo e cercare di sfruttare al meglio le mie occasioni”. Vincere contro il Sora sarebbe un passo importante per i rossoneri, quasi decisivo, per centrare l´obiettivo salvezza e chissà poi per aspirare a qualcos´altro. Cimarelli, in ogni modo, preferisce rimanere ben saldo con i piedi per terra: “Andiamo di gara in gara, non montiamoci troppo la testa. Cerchiamo di cogliere i tre punti domenica, poi se effettivamente riuscissimo a vincere sarebbe un bel passo avanti, ma pensiamo prima a battere il Sora”. Proprio Cimarelli è l´uomo maggiormente indicato per fare una disamina corretta del club laziale, attualmente penultimo in classifica ma che in settimana ha ingaggiato il neotecnico Di Pucchio, al posto dell´esonerato Capuano: “Solitamente quando si cambia un allenatore la squadra diviene più motivata e questo può essere uno svantaggio per noi. Sicuramente sarà una gara difficile, cattiva calcisticamente, anche perchè loro giocheranno chiusi e questo potrebbe crearci delle difficoltà. Avanti poi hanno gente di qualità come Luiso, Magliocco che mi hanno detto è stato qui, lo stesso Costanzo. Sarà una gara non facile, noi però vogliamo vincerla”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui