Capuano: “Non aveva senso fare un campionato anomalo col Foggia”

0
3.508 views

Dopo la vicenda che ha visto Eziolino Capuano lasciare la panchina del Foggia Calcio, ora occupata dall’ ex Sorrento Vincenzo Maiuri, il mister di Pescopagano precisa quello che è accaduto ai microfoni di tuttoc.com in un’intervista esclusiva.

Partiamo dall’inizio: cos’ha trovato e cosa lascia a Foggia?
“Foggia è un desiderio di tutti ed un privilegio di pochi, è una piazza unica che ti da emozioni come poche posso fare. Tutti mi hanno dimostrato grande affetto, dai tifosi alla società, di cui conserverò un grandissimo ricordo. Vado via in punta di piedi com’ è nel mio stile: senza rancore e con profondo rispetto”.

Com’è maturata la sua decisione?
“Premetto che non c’è stato alcun contrasto con la società né si è acceso alcun diverbio. Ho sempre avuto un ottimo rapporto con tutti e colgo l’occasione per ringraziare il Presidente Felleca, il Direttore Corda ed il Dott. Pelusi. La mia scelta non deve essere oggetto di nessuna dietrologia e deve essere letta con razionalità. E’ stata una questione di condizioni. Ho risolto un contratto ad Avellino per venire in un’altra importante piazza come Foggia. Solo un uomo con grandissima dignità e principi poteva lasciare questa panchina e restare a casa senza alcun contratto, rinunciando, peraltro, anche agli emolumenti per il periodo in cui ho prestato la mia attività. Non è un gesto di eroismo, ma di sano rispetto verso i tifosi ed il club”.

Ha parlato di “condizioni”, cosa intende precisamente?
“Intendo semplicemente che non c’erano le condizioni per continuare per rispetto della piazza. Ritengo che alle condizioni del momento non avrei mai potuto fare un campionato come desideravo dopo tutto quello che ho fatto negli ultimi anni. Quando mi sono reso conto di non avere più la tranquillità, di non essere più sereno e soprattutto che non avrei potuto fare il mio massimo, ho deciso di farmi da parte”.

A riguardo si è parlato molto di un audio…
“Nell’audio non c’è nulla di trascendentale e di grave, non c’è nulla di nuovo. Ho detto solo quello che ho sempre ripetuto anche a loro e cioè che se non fossero arrivati dei giocatori sarei andato via. Non sempre dietro c’è un litigio, è semplicemente una scelta che, ripeto, non è improvvisata ma frutto di grande razionalità”.

C’è stato un elemento determinante nella sua decisione?
“E’ stata una decisone progressiva, maturata giorno dopo giorno quando mi rendevo conto che tutti quei giocatori che ritenevo potessero fare un risultato importante per la piazza faticavano ad arrivare, quindi non aveva senso che io facessi a Foggia un campionato anomalo. Cresceva in me la convinzione di non poter fare un campionato da protagonista come lo impone l’amore dei tifosi verso questi colori e la grandezza di questo club”.

La città le ha mostrato subito un grande affetto, cosa si sente di dire ai tifosi?
“I tifosi devono essere orgogliosi di questi colori. Il mio potrebbe essere un arrivederci, ho ancora una lunga carriera avanti e ci sarà tempo e spazio per tornare a Foggia. Auguro al nuovo mister, che è un neofita della categoria, i migliori successi così come lo meritano soprattutto i tifosi ed il blasone del Foggia Calcio”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui