Ascoli, Rosseti: "Spero di restare, penso solo a giocare"

  • in

Lo zampino sulla rete del pari di Pescara. Non poteva esserci rientro migliore per Lorenzo Rosseti dopo qualche acciacco fisico che non gli aveva permesso di scendere in campo per dare il suo contributo. Appena entrato è stato proprio l´attaccante a servire l´assist ad Ardemagni per l´1-1 dell´Ascoli.

Alla prima palla toccata ha servito l´assist del pari, un ottimo impatto a Pescara?
"Appena entrato in campo mi è arrivata subito la palla, ho puntato la porta e ho visto il movimento di Matteo, così l´ho servito. Sono azioni che ti danno forza e convinzione durante la partita. Al gol di Ardemagni c´è stato un boato tanto che sembrava giocassimo in casa. I tifosi erano tantissimi, ci fa molto piacere. Per me è stato un bel riscatto".

In campo però non è stata così facile, vero?
"Il Pescara nel primo tempo ci ha messi un po´ in difficoltà creando avuto alcune occasioni da gol. Dopo l´espulsione di D´Elia ci siamo un po´ abbassati, volevamo difendere il risultato ma allo stesso tempo abbiamo avuto le occasioni per vincere come la palla gol capitata a Ninkovic allo scadere".

In molti pensavano che finisse in rete, lei cosa ha immaginato in quel frangente?
"Che in allenamento non sbaglia mai, la butta sempre dentro. Alla fine penso che il pareggio sia stato il risultato più giusto. In undici contro undici probabilmente la partita sarebbe potuta andare diversamente, anche se in dieci ci siamo compattati senza mai rischiare".

Le va di commentare le sviste arbitrali subite?
"Non sono io che devo parlare dei direttori di gara. A volte possono sbagliare i giocatori e altre volte gli arbitri, noi dobbiamo pensare a fare le cose nel modo migliore. Può capitare di essere penalizzati così come di essere favoriti".

La parata di Lanni sul rigore di Mancuso può essere considerata un gol fatto?
"Certo, se lo merita per tutto il periodo che ha passato restando fuori. Siamo stati tutti molto contenti tanto che in panchina abbiamo esultato come se avesse segnato".

È prematuro parlare di obiettivi?
"Ad aprile-maggio tireremo le somme. Stiamo lavorando tanto e quando ti alleni con costanza stai bene anche fisicamente. Con lo Spezia dovremo scendere in campo con tanta determinazione per portare a casa la vittoria".

Tra un paio di mesi si aprirà il mercato, quale sarà il suo futuro?
"Mi trovo molto bene ad Ascoli, con la squadra e con la società. Quest´anno sono cambiate tante persone, ma il gruppo è sano, sto bene con tutti. La piazza è importante e spero di restare, mi concentro sul campo e penso solo a giocare".

fonte: ilrestodelcarlino.it


Francesco Ricci