Cittadella, Iori: “La classifica è bella, ma è ancora troppo presto!”

  • in

Il dispaccio dall’infermeria del lunedì sembra un bollettino di guerra: punti di sutura, lastre al torace, contusioni, acciacchi di varia entità. Su tutti, quello di Manuel Iori, sono state escluse fratture costali ma resta una fortissima e dolorosa botta dopo lo scontro con il compagno Carlo Pelagatti. Tre punti di sutura per Luca Strizzolo, «dolorini» vari per più di qualche protagonista che andranno valutati oggi alla ripresa. Negli occhi, a Cittadella, resta però la splendida impresa nel lunch-match di domenica a Pescara, il secondo blitz da cerchiare in rosso dopo quello di Empoli. Un 2-1 che avrà conseguenze, tutte positive, non soltanto sulla classifica. «La classifica per adesso non la guardiamo — spiega il capitano Iori — è bella ma è ancora troppo presto. Ci sono tante squadre tutte vicine, ma certi discorsi andranno fatti più avanti. Adesso ci godiamo questa inversione di rotta rispetto al recente passato, quanto faticavamo fuori casa e facevamo spesso risultato in casa. Basterebbe riuscire a confermarsi al Tombolato, mantenendo il trend in trasferta e allora sì…».

Fonte: Corriere del Veneto


Francesco Ricci